Bangkok

Aiuto, ci ha preso Bangkok

Contenuti tratti dal nostro Blog Partner

Claudia Candita - Buby on the road



La prima immagine che ti offre Bangkok, dopo aver abbandonato l’ambiente familiare dell’aeroporto, è caratterizzata dal caos. In realtà, una volta arrivati nella capitale thailandese, ci si illude di essere in un posto “gestibile”. Vi è infatti un moderno treno, lo Skyline city, che porta i turisti verso il centro della città. Una volta scesi i gradini dell’ultima stazione, però la vera essenza della capitale si manifesta. E’ così che i rumori del traffico e delle tante persone per strada hanno il sopravvento. Fra tutti come non ricordare il rombo dei  “tuk tuk”, tipici taxi-ape che sfrecciano fra i viali della città.
Bangkok

Photo credit: Bangkok Travel Guide

Tornando al mio viaggio, ipoteticamente scesa dal treno con mia sorella, avrei dovuto prendere un autobus, il famigerato bus 503. Anche se siamo riuscite ad individuare la fermata, del bus 503 non abbiamo avvistato neanche l’ombra. Da qui la scelta di prendere un taxi, seppur economicamente sconsigliatissima, che ci ha portato in albergo. A posteriori, avrei provato subito l’ebrezza di una corsa in tuk tuk.

L’hotel che avevo scelto è stata una struttura valida, sicura e moderna, vicino a Khao San Road, viale pedonale principale di Bangkok, affollato di turisti alla sera e di amorevoli topi al mattino! Ricordatevi di prendere un hotel con camera climatizzata, perchè l’aria è veramente pesa in città. Sistemati i nostri bagagli, abbiamo iniziato il nostro tour, rigorosamente a piedi, alla scoperta di Bangkok.

Girellando per la zona centrale, abbiamo visitato il Tempio del Buddha d’Oro e quello del Buddha sdraiato, localmente conosciuto come Wat Pho.

Alla sera siamo salite alla Wat Saket, o meglio Golden Mountain, che è un edificio dalla cui cima si gode di un’ottima vista sullo skyline del distretto più moderno di Bangkok. Ricordatevi di andarci prima delle 19.00 di sera, perchè altrimenti potreste trovare chiuso.

Il nostro secondo giorno a Bangkok è iniziato con la visita al Palazzo Reale. Il complesso è l’attrazione più visitata della città e comprende al suo interno anche il Tempio del Buddha di Smeraldo. Ricordatevi, come per tutti i templi, di coprirvi spalle e gambe, altrimenti non vi faranno entrare! Da qui si è vicini al Chao Praya, il fiume di Bangkok, lungo il quale vi sono tantissimi mercatini alimentari e artigianali.

Le nostre sere a Bangkok sono state tutte a Khao San Road che, se ci si accontenta di una birra e si ama lo street food, è il posto ideale. Lungo il viale vi sono tantissime agenzie turistiche locali, che vendono biglietti di treni e traghetti per raggiungere una delle tante isole a sud del paese. Presso tali agenzie sono organizzate varie escursioni di un giorno ad Ayutthaya, Kanchanaburi, ai mercati galleggianti e molti altri posti ancora.

Durante l’ultimo giorno a Bangkok, abbiamo visitato la Comunità di Ban Bat. Questa un tempo si occupava di produrre esclusivamente i bat, usati dai monaci buddhisti. Della Comunità, oggi rimangono cinque famiglie, che saranno liete di accompagnarvi fra le loro capanne. Oggi i bat in commercio sono quasi esclusivamente prodotti da industrie, ma qui la comunità continua a lavorare a mano il metallo. L’ultima visita, alla quale ci siamo dedicate, è stata quella alla Casa di Jim Thompson, uno stilista americano che ha vissuto in Thailandia. Ciò che resta della sua esperienza in questo paese è proprio questa sua abitazione. La casa è un classico esempio architettonico dello stile thailandese, basato sull’utilizzo del legno tek.

Bangkok, citando un noto film, riesce a “prendere” il viaggiatore e vorrebbe non lasciarlo più. Il consiglio è quello di vivere la città. Addentratevi nei suoi mercatini, nelle sue viuzze, non avendo timore di perdersi! Volgete lo sguardo oltre ai meravigliosi Templi e noterete un’altra faccia di Bangkok, più triste forse ma anche più vera. Per la mia esperienza, la città si è rivelata sicura. E poi pensate a questo: ci sarà ete sempre qualcuno pronto a darvi un passaggio in tuk tuk!

Contenuti tratti dal nostro Blog Partner

Claudia Candita – Buby on the road

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare i nostri Magazine specialistici - attraverso il menu (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.

Aiuto, ci ha preso Bangkok ultima modifica: 2017-03-16T13:30:41+00:00 da Cudriec Rss

Lasciaci un tuo commento